FCA crea nuova organizzazione globale Product Development

Sarà guidata da Harald Wester, attuale Chief Technical Officer

Redazione ANSA ROMA

FCA ha annunciato la creazione di un'organizzazione di sviluppo dei prodotti unificata (Product Development) e incentrata su tre attività strategiche: funzioni ingegneristiche fondamentali che si occuperanno delle principali opportunità tecnologiche; funzioni trasversali di gestione e esecuzione programmi; funzioni di supporto ai programmi e per la gestione delle attività separate.

Si tratta - ribadisce una nota di FCA - di una organizzazione più snella che consentirà un bilanciamento ottimale dei carichi di lavoro e che sarà guidata da Harald Wester, Chief Technical Officer di FCA. Fino ad oggi, il Product Development comprendeva diverse funzioni che operavano come sotto-gruppi regionali o come unità a sé stanti.

''Il nostro settore sta attraversando trasformazioni a livello tecnologico ad una velocità mai vista in passato - ha dichiarato Mike Manley, CEO di FCA - ed è per questo che abbiamo deciso di creare un'organizzazione che permetta ai nostri ingegneri e tecnici di dare massima espressione alla loro energia creativa, a beneficio dei nostri clienti e degli stakeholder in tutto il mondo''. Questa nuova organizzazione rafforza infatti la capacità di FCA di proseguire con l'introduzione di nuove tecnologie nel campo dell'elettrificazione e dei veicoli connessi e autonomi e ridurrà le complessità e incrementerà l'efficacia di esecuzione.

Ciò permetterà di generare benefici a livello di qualità e ridurre i tempi di sviluppo prodotto. Quest'ultimi sono di importanza fondamentale in un mercato caratterizzato da sviluppi tecnologici sempre più rapidi.

''La struttura attuale ha dato vita alla gamma prodotti più diversificata e accattivante del settore, che spazia da Alfa Romeo fino ad arrivare a Ram - ha commentato Wester - Il livello di consolidamento e integrazione che stiamo implementando ora arricchirà ulteriormente la nostra offerta in tutti i mercati. E a trarne il maggior beneficio saranno i nostri clienti''.

Le attività ingegneristiche saranno supportate da cinque nuovi centri di competenza tecnologica: Body, Chassis, Interior and Wiring Integration (con responsabilità per lo sviluppo dei principali gruppi di componenti dei veicoli); Electrical, Electronics and Software (che svilupperà architetture elettroniche); Propulsion Systems (che comprenderà sia i sistemi elettrificati che quelli convenzionali); Total Vehicle Integration e Advanced Technology and Pre-Development Programs.

Le nuove funzioni trasversali di gestione e esecuzione dei programmi opereranno trasversalmente alle funzioni di ingegneria, ai vari business e brand. Tra queste nuove funzioni, ci sarà un team globale di Vehicle Programs con responsabilità per l'implementazione di tutti i nuovi programmi prodotto, e un'unità Architecture and Vehicle Concepts con un focus specifico su profili clienti e obiettivi di performance, pianificazione architetture a lungo termine e lo sviluppo di proposte di nuovi prodotti.

Il principale cambiamento, rispetto al passato, è l'integrazione delle funzioni di ingegneria del veicolo (Vehicle Engineering) e quelle di ingegneria del motore (Powertrain Engineering), in quanto fino ad oggi le attività di Powertrain Engineering erano dissociate dal processo di sviluppo prodotto. Nella nuova struttura saranno invece parte integrante di un'organizzazione unificata e globale che si prevede migliori la collaborazione tra le diverse Region consentendo allo stesso tempo una distribuzione più efficace delle risorse. La nuova e più snella organizzazione di Product Development accelererà il processo decisionale ottimizzando l'utilizzo delle competenze tecniche a livello globale.

''Le nostre risorse ingegneristiche - ha aggiunto Wester - saranno concentrate e integrate, non diluite''. FCA ha già stanziato 9 miliardi di euro per un piano quinquennale che prevede il lancio di 30 nuovi modelli elettrificati a livello globale. Tra i primi lanci ci sono le versioni plug-in hybrid di Jeep Compass, Renegade e Wrangler e due modelli totalmente elettrici - una vettura a marchio Fiat e un veicolo commerciale Fiat Professional.

Anche Maserati sta procedendo a pieno ritmo verso un futuro elettrificato grazie a 1,6 miliardi di euro di investimenti che comprendono l'integrazione di sistemi di propulsione ibridi e totalmente elettrici e tecnologie di guida autonoma di Livello 3, il tutto nel segno della sportività caratteristica del marchio. FCA prevede che l'organizzazione sarà pienamente operativa il prossimo anno. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie