La squadra di Tavares, Alfa all'ex ceo Peugeot

Continuità per Fiat, Maserati e Jeep. Linda Jackson guida Peugeot

Redazione ANSA

Carlos Tavares rassicura i sindacati: la fusione tra Fca e Psa non avrà ripercussioni sulle fabbriche e Stellantis non penalizzerà i lavoratori italiani. In attesa del piano industriale, nel primo incontro in videoconferenza con i rappresentanti dei lavoratori italiani, il manager conferma gli impegni già assunti da Fca: non saranno chiusi stabilimenti e i marchi Alfa Romeo e Maserati saranno rilanciati. Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Associazione Quadri apprezzano l'attenzione da parte di Tavares e la volontà di mantenere un dialogo "per costruire un futuro di speranza grazie all'intelligenza e alla creatività dei lavoratori nel Gruppo".

"Sono affermazioni importanti. Rappresentano il miglior punto di partenza possibile per costruire relazioni sindacali efficaci" commenta Rocco Palombella, segretario generale della Uilm, "Tavares ci ha assicurato che l'Italia è centrale per Stellantis. Si è impegnato a coinvolgerci nella stesura del piano industriale che sarà predisposto nei prossimi mesi" sottolineano il segretario generale della Fim Cisl, Roberto Benaglia e il segretario nazionale Ferdinando Uliano.

"E' l'avvio di un dialogo per creare un sistema di relazioni sindacali più forte e costante per questa nuova fase", spiegano Francesca Re David, segretaria generale Fiom-Cgil e Michele De Palma, segretario nazionale Fiom. Per Giorgio Airaudo, segretario generale della Fiom Piemonte, sindacalista che ben conosce la realtà di Fca,"gli impegni sono propositi. Il compito dei sindacati è verificare che diventino investimenti, volumi produttivi e posti di lavoro". "Il gruppo vuole infondere a tutti i lavoratori un segnale di speranza per affrontare la crisi mondiale non solo in difesa, ma all'attacco vincendo la competizione con i maggiori concorrenti. Infine, la sostenibilità sarà la chiave per la garanzia dell'occupazione", osserva Roberto Di Maulo, segretario generale Fismic Confsal. Anche l'Ugl Metalmeccanici considera "molto importante" l'incontro con Tavares. Sul tavolo sindacale resta la questione Iveco, dopo la conferma della trattativa fra Cnh Industrial e la cinese Faw. "Verificheremo con l'azienda l'interesse del gruppo per Iveco", assicura il ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli. Dall'incontro al Mise arrivano comunque segnali positivi sul piano di riorganizzazione del gruppo Cnh, che procede secondo le attese, con un incremento significativo dei volumi produttivi negli stabilimenti del gruppo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie