Emergenza neve, come affrontarla se si è al volante

Gomme invernali, catene e tanto buon senso

Andrea Silvuni ROMA

La complessità dei problemi della circolazione stradale in caso di forte e inatteso ripropone in tutta la sua attualità il problema degli equipaggiamenti degli autoveicoli e delle capacità dei guidatori in situazioni così estreme. A svolgere un ruolo primario per la sicurezza al volante in caso di neve sono gli pneumatici.

Ecco i principali consigli degli esperti.

- NON CIRCOLARE CON PNEUMATICI ESTIVI USURATI O MOLTO VECCHI
In caso di scarsa aderenza, la ridotta profondità del battistrada è sempre all'origine della perdita di controllo dell'auto. La situazione peggiora se le gomme sono vecchie, in quanto passando gli anni la mescola perde elasticità ed alle basse temperature diventa ancora più "dura" e meno aderente.

- GLI PNEUMATICI INVERNALI SONO LA SOLUZIONE IDEALE
Offrono sulla neve compatta la migliore presa poiche' la loro lamellatura "cattura" la neve e crea un'adesione tra gomma e fondo stradale. Queste coperture invernali utilizzano una mescola specifica per mantenere, anche a freddo, una temperatura di esercizio al di sotto dei 7°C.

- GOMME IDENTICHE SU TUTTE LE QUATTRO RUOTE
Per garantire il massimo del controllo non bisogna montare gli pneumatici invernali solo sull'assale motore. In questo caso la vettura ha un'aderenza limitata al posteriore e quindi rischia di entrare in testacoda. Invece una vettura con pneumatici invernali montati solo al posteriore rischia più facilmente di "andare dritta" in curva.

- IMPORTANTE NON FIDARSI DELLA TRAZIONE INTEGRALE
E' uno degli errori più frequenti: chi possiede un suv o un'auto a trazione integrale ha raramente problemi in fase di partenza da fermo anche se utilizza gomme estive. Ma i problemi, se non sono presenti pneumatici invernali, arrivano in frenata e quando si affrontano le curve. L'insidia maggiore è il ghiaccio nascosto dalla neve, su cui le uniche soluzioni sono le gomme chiodate (vietate in Italia) e le catene. Altro tranelllo è l'eccessiva altezza della neve che può far "spanciare" il veicolo impedendo l'aderenza delle ruote al terreno.

- QUANDO E' INDICATO L'USO DELLE CATENE
Garantiscono una buona trazione sul ghiaccio ma danno una limitata direzionalità delle ruote anteriori, per cui l'andatura deve sempre essere limitata. Suggerite soprattutto in presenza di forti pendenze e di abbondante innevamento fresco, situazione che non è però tipica delle autostrade. Montaggio e smontaggio devono comunque essere effettuati fuori dalle carreggiate, in zona riparata da traffico. In città l'impiego delle catene va limitato al minimo indispensabile, ad esempio alla sola fase di passaggio da zone con molta neve (cortili, strade private, strade laterali, ecc.) a quelle che sono state parzialmente pulite o che sono soggette a molto traffico. Su questi tratti con poca neve le maglie a contatto con asfalto o pavé potrebbero dare problemi in frenata.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA