Sotto stress le cellule degli uomini si 'suicidano'

Mentre quelle delle donne resistono e sopravvivono, studio Iss

Redazione ANSA ROMA

Quando sono sottoposte a particolari condizioni di stress, le cellule degli uomini si suicidano mentre quelle delle donne resistono e sopravvivono. Da uno studio dei ricercatori dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss), pubblicato sulla rivista Cell Death and Disease, arriva un'altra evidenza scientifica che conferma come essere uomini o donne condizioni l'insorgenza delle malattie e la risposta alle cure.
    Il team, in collaborazione con ricercatori dell'Università di Bologna e del Cnr di Roma, è riuscito ad identificare alcuni componenti molecolari alla base della diversa risposta delle cellule maschili e femminili agli stress. "In generale - spiega Paola Matarrese dell'Iss, coautrice della ricerca - le cellule maschili (XY) rispondono allo stress andando incontro a morte programmata (apoptosi), una forma di suicidio cellulare regolato; mentre le cellule femminili (XX), in risposta allo stesso stress, attivano meccanismi di sopravvivenza (autofagia) e resistono alla morte cellulare". Alla base di queste differenze, potrebbe essere coinvolto un microRNA (miR548am-5p).
    I microRNA sono corte sequenze di materiale genetico che regolano l'espressione dei geni, e sono pertanto in grado di cambiare il destino delle cellule, modificandone le funzioni. E' noto che i microRNA hanno un ruolo di rilievo in molte malattie, inoltre, ogni microRNA è in grado di regolare numerosi geni, generando potenzialmente un effetto a cascata di grandi proporzioni. "In particolare, l'alto livello del miR548am-5p nelle cellule femminili sarebbe responsabile - precisa Anna Ruggieri del Centro ISS per la salute genere - della maggiore resistenza a diversi tipi di stress, attraverso la regolazione di alcuni geni, come Bax e Bcl2, coinvolti nei meccanismi di morte mediata dai mitocondri". La scoperta che non solo geni, ma anche elementi regolatori della loro espressione siano presenti in quantità diverse tra uomo e donna, conclude Matarrese, "dimostra ancora una volta come la biologia dei due sessi sia fondamentalmente diversa e come tale vada affrontata". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA