Musei: a Baltimora il 2020 è all'insegna delle donne

Per un anno comprera' e mostrerà solo opere di artiste

Redazione ANSA NEW YORK

(ANSA) - NEW YORK, 26 NOV - Nel 2020 le donne occuperanno il Museum of Arts di Baltimora. Famoso per i suoi Matisse, il prossimo anno il museo adiacente al campus di Johns Hopkins comprera' solo opere di artiste donne e organizzerà almeno venti mostre dedicate a artisti che si identificano con il pronome "she".
    L'obiettivo e' di colmare un gap che vede nelle collezioni solo il 4% dei pezzi firmati da donne e farlo in un anno importante: nel 2020 si celebreranno i 100 anni dell'Equal Right Amendment che permise alle donne americane di votare per la prima volta.
    A dar vita al progetto "Vision 2020" del museo e' stato il direttore Christopher Bedford, uno scozzese da tre anni al timone: "Non ha paura di nulla, si muove alla velocità della luce e dice quello che non osiamo dire", lo ha descritto Betsy Bradley, la sua collega al Mississippi Museum of Arts.
    L'anno scorso Bedford aveva creato polemiche vendendo opere di maschi bianchi come Andy Warhol, Robert Rauschenberg e Franz Kline per comprare opere di minoranze sottorappresentate. "Non basta acquistare un dipinto di un'artista nera e appenderlo accanto a un Mark Rothko," aveva detto all'epoca il direttore: "Per correggere lo squilibrio serve un intervento radicale sul Dna del museo".
    Intanto una installazione di Mickalene Thomas, che ha aperto il 24 novembre, ha cambiato letteralmente la facciata del museo trasformandola in un isolato delle tipiche case a schiera di Baltimora. La lobby e' stata ridecorata per evocare un salotto anni settanta, perfino i custodi si sono tolti la divisa per indossare abiti d'epoca disegnati dalla Thomas e dallo stilista José Durán.
    Il museo di Baltimora non e' il solo che sta cercando di riequilibrare gli allestimenti prendendo le distanze dal "canone occidentale" della tradizione. A New York il nuovo corso intrapreso dal MoMA dopo la ristrutturazione va nella stessa direzione con un riposizionamento di artiste fino a poco tempo fa trascurate come Joan Mitchell o Helen Frankenthaler, ma almeno 60 altri musei negli Usa si sono impegnati nel 2020 a dedicare mostre a artiste donne, anche se non nel modo cosi' radicale del progetto di Bedford.
    Intanto perfino al Met i segni del nuovo corso sono chiaramente visibili: oltre la facciata del museo piu enciclopedico degli Usa, occupata da settembre dalle cariatidi dell'artista americana ma nata in Kenya Wangechi Mutu, dal 19 dicembre nell'atrio del museo sulla Quinta Strada saranno appesi due dipinti monumentali dell'artista nativo-americano Kent Monkman, uno dei quali rivisita l'iconico olio del 1851 "Washington Crossing the Delaware" mettendo al centro popoli indigeni tra cui "Miss Chief Eagle Testickle", l'alter ego dall'identita' di genere fluida dell' artista. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA