Accessibilità arte a tempi Covid, JR cambia Palazzo Strozzi

Con installazione reinterpreta facciata simbolo Rinascimento

Redazione ANSA FIRENZE

FIRENZE - Dal 19 marzo 2021 Palazzo Strozzi a Firenze cambierà volto attraverso l'intervento di JR, tra gli artisti contemporanei più celebri al mondo, chiamato a reinterpretare la facciata di uno dei simboli del Rinascimento a Firenze attraverso una nuova installazione site specific dal titolo 'La Ferita', che proporrà una suggestiva riflessione sull'accessibilità ai luoghi della cultura nell'epoca del Covid-19. JR, si ricorda, utilizza il collage fotografico come tecnica caratteristica del suo stile, esploso nella dimensione dell'arte pubblica nelle città di tutto il mondo. Come afferma lo stesso artista francese: "Ho la più grande galleria d'arte immaginabile: i muri del mondo intero".
    La ricerca di JR unisce originalità e appropriazione, sempre distinguendosi per una forte connotazione pubblica e di partecipazione che lo ha portato a creare opere di grande impatto visivo e coinvolgimento in luoghi e contesti sempre diversi, dalle favelas di Rio de Janeiro alla grande piazza della Piramide del Louvre, da Ellis Island a New York alla prigione di massima sicurezza di Tehachapi in California.
    Palazzo Strozzi "si distingue per la volontà di creare un dialogo tra antico e contemporaneo attraverso il coinvolgimento di artisti che sanno interpretare il presente", dichiara Arturo Galansino, direttore generale della Fondazione Palazzo Strozzi.
    La nuova opera di JR, si spiega ancora, rappresenta un segnale forte di riflessione sulle difficili condizioni di accesso alla cultura nell'epoca del Covid-19 ma allo stesso tempo un'occasione per un nuovo coinvolgimento del pubblico all'insegna di valori come libertà, immaginazione creativa e partecipazione. Nell'attuale difficoltà di offrire occasioni di fruizione dell'arte in spazi tradizionali, la scelta di creare un'opera visibile a chiunque sulla facciata di Palazzo Strozzi diviene un invito a ritrovare un rapporto diretto con l'arte e una sollecitazione per nuove forme di condivisione e partecipazione. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie