Contraffazione farmaci, Cop10 approva risoluzione belga

In aumento con la pandemia

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il Belgio in prima linea nella lotta alla contraffazione dei medicinali. La decima Conferenza delle Parti delle Nazioni Unite (Cop10), nel quadro della Convenzione di Palermo per la criminalità transnazionale, ha approvato una risoluzione belga per il contrasto alla produzione e al traffico di farmaci falsi. Fenomeno in forte aumento con la pandemia. Lo rende noto il ministero degli Affari esteri del Belgio, che sottolinea "le prime vittime di questo traffico sono i più vulnerabili".

La risoluzione belga intende fornire, a questo proposito, un quadro normativo internazionale chiaro "è importante - si legge nel comunicato del ministero - che la comunità internazionale riconosca la gravità di tali crimini, che devono essere considerati nel quadro della Convenzione di Palermo", forum ideale per promuovere la cooperazione internazionale tra i Paesi per contrastare e prevenire le attività illegali di commercio di medicinali contraffatti. Infine, il ministero belga ribadisce la necessità di uno scambio di informazioni tra le forze dell'ordine e le autorità giudiziarie. Alla risoluzione hanno collaborato i servizi federali degli Affari esteri, della Giustizia, l'Agenzia federale per i farmaci e la sanità (Afmps) e l'istituto di medicina tropicale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie