Turismo, da Covid spinta creativa a zone montagna e rurali

Studio ricercatore italiano a Regioni Ue

Redazione ANSA

BRUXELLES - La pandemia di Covid ha rappresentato una spinta per rendere montagna e campagna meno isolate e più invitanti per il turismo attraverso piccole transizioni come una app o un nuova piattaforma di acquisti online. A sostenerlo è il ricercatore italiano e project manager presso l'istituto Poliedra del Politecnico di Milano, Gianluca Lentini, che ha presentato alcuni esempi di innovazione dei territori di montagna e rurali al Comitato delle Regioni (CdR). "Abbiamo notato che il Covid ha in realtà ispirato la creatività e l'integrazione, in un modo forse inaspettato", ha sottolineato Lentini durante la riunione organizzata congiuntamente dall'intergruppo Rumra del PE e dal CdR. "La pandemia - ha aggiunto - ha rappresentato un'opportunità per avviare una trasformazione a lungo ritardata" anche sotto il profilo ambientale. A mettere in difficoltà la montagna è piuttosto il cambiamento climatico, ha sottolineato il ricercatore, suggerendo che il turismo, compreso quello sciistico, dovrebbe diventare più sostenibile. Fra i progetti presentati, quello di Campo Ligure che ha reso il Il Museo della Filigrana interamente disponibile online, e quello del progetto 'Smart Villages' che ha coinvolto le Valli del Sol.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: