Migrazioni: a Milano corso di programmazione per rifugiati

L'80% di chi lo ha frequentato ha iniziato a lavorare

(ANSA) - MILANO, 26 GEN - Dopo Torino arriva anche a Milano il progetto di Powercoders, ovvero un'accademia di programmazione informatica riservata ai rifugiati perché possano inserirsi nel mondo del lavoro.
    I dati sono incoraggianti: l'80% di chi lo ha frequentato ha iniziato a lavorare.
    In considerazione delle norme anticovid, il corso, che avrà 20 partecipanti e partirà a febbraio, sarà completamente online sulla piattaforma ideatre60 di Fondazione Accenture Italia.
    L'obiettivo è quello di fornire competenze tecniche.
    "Opportunità come questa - ha commentato Chiara Cardoletti, Rappresentante UNHCR per l'Italia -, nate con lo straordinario supporto di Reale Foundation e Fondazione Italiana Accenture, sono esempi di strategie di integrazione che valorizzano i rifugiati come risorse per le imprese e per il bene comune".
    "Investire, oggi ,sulla formazione e sull'implementazione delle skills tecnologiche di questi ragazzi - ha aggiunto l'assessore comunale alle Politiche del lavoro Cristina Tajani - significa renderli autonomi e artefici del proprio futuro, capaci di essere vere e proprie risorse per la società in cui vivono e le imprese in cui lavoreranno". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Camera di Commercio di Milano
        Camera di Commercio di Milano



        Modifica consenso Cookie