Industria: produzione 2020 in Lombardia -9,8%, meglio stime

Da Assolombarda previsione Pil regione nel 2021 a +5,2%

(ANSA) - MILANO, 17 FEB - Nel 2020 la produzione industriale in Lombardia ha registrato un calo del 9,8%, risultato migliore delle previsioni di inizio pandemia. E' quanto emerge dalle rilevazioni sull'andamento della manifattura dell'industria e artigianato realizzato da Confindustria, Unioncamere e Regione Lombardia.
    Nel quarto trimestre si registra un nuovo incremento congiunturale della produzione industriale (variazione congiunturale destagionalizzata +2,7%) e un'ulteriore attenuazione della contrazione tendenziale (la variazione tendenziale è contenuta al -2,6%).
    Andamento meno dinamico per la produzione delle aziende artigiane manifatturiere: +0,2% la variazione congiunturale destagionalizzata e -4,9% la corrispondente variazione tendenziale. In questo caso la perdita media del 2020 è del -11,9%.
    Dal booklet economico pubblicato su Genio & Impresa, il web magazine di Assolombarda emerge come dopo le previsioni sul calo del Pil nel 2020 atteso a -9,7% per la Lombardia e -9,1% per l'Italia, il 2021 si apre con un lieve ottimismo per la regione (+5,2%) e per il Paese (+4,8%). Dati più allarmanti per quanto riguarda la Cig e imprese: nel 2020, le ore autorizzate sono state 247 milioni a Milano, 65 a Monza, 20 a Pavia e 12 a Lodi, mentre si è registrato un drastico calo di iscrizioni al Registro delle imprese per quanto riguarda i servizi di alloggio e ristorazione (-35%), l'industria (-28%), il commercio (-16%) e le costruzioni (-14%).
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie