PMI

Lavoro: fabbisogno Marche +52,8%, 13.370 posizioni aperte

Più ricercati meccanici e elettromeccanici. Tendenza precariato

(ANSA) - ANCONA, 22 OTT - Nelle Marche corrono i fabbisogni professionali delle imprese: ad ottobre +52,8% (+30% in Italia) per le aziende della manifattura/servizi rispetto ad ottobre 2019, 13.370 posizioni lavorative aperte che le imprese prevedono di coprire; una cifra che, considerando l'intero trimestre ottobre-dicembre, sale a 34mila. Il trend accomuna tutte le province: l'incremento supera la media regionale per Ancona (4.470; +67,4%) e per Ascoli Piceno (1.850, +56,8%). Le imprese cercano soprattutto operai metalmeccanici ed elettromeccanici (1.420 posizioni aperte) che risultano essere i profili più difficili da reperire (nella metà dei casi le imprese non trovano il candidato). Altra tendenza strutturale è la precarizzazione del lavoro: il 78,2% dei contratti previsti è a tempo determinato.
    "Questi dati - commenta il presidente di Camera Marche Gino Sabatini - sono un ottimo segnale e danno fiducia, ma ci devono anche spingere su tre azioni ugualmente prioritarie. La prima riguarda la necessità che le aziende possano trovare velocemente le risorse umane richieste. La seconda è un rafforzamento degli Its e, più in generale, una maggiore collaborazione tra il sistema scolastico e le aziende. La terza, è creare i presupposti perché il lavoro sia sempre più stabile e sicuro".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie