COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale ANCI Liguria

All’Assemblea di Anci Liguria il punto sulla gestione dell’emergenza Coronavirus

ANCI Liguria

Oltre 150 riunioni in presenza ed in videoconferenza, con i Sindaci, Anci, le Prefetture, Upi, Federsanità, Ifel, Uncem ed Ali; partecipazione alle Cabine di Regia e alla Task Force regionali; assistenza tecnica in tempo reale ai Comuni; risposte a circa 300 quesiti e contestuale trasmissione di norme, note di lettura, documenti e numerosi prontuari di supporto al lavoro degli amministratori locali. E ancora: aggiornamenti quotidiani sul sito www.anciliguria.it; creazione di sezioni apposite dedicate all’emergenza come Coronavirus NewsL’angolo delle Ordinanze dei SindaciCartellonistica per i Comuni. Infine, rilevazione dei fabbisogni degli enti locali in relazione ai dispositivi di protezione individuale e distribuzione delle mascherine ai piccoli comuni liguri, realizzate grazie a una proficua collaborazione con la Protezione Civile regionale. È questo in sintesi un primo bilancio del lavoro svolto dall’Associazione negli ultimi mesi di emergenza sanitaria, illustrato dal direttore Pierluigi Vinai nel corso dell’Assemblea generale odierna, presieduta dal sindaco di Genova Marco Bucci, a cui hanno partecipato numerosi amministratori locali, collegati in videoconferenza.

“Noi sindaci abbiamo affrontato l’emergenza con grande senso di responsabilità nei confronti dei nostri cittadini, e ci troviamo in questa Fase 2 di riaperture davanti a una grande sfida, perché dobbiamo essere abili a gestire contemporaneamente il bisogno di una ‘grande’ estate, ma che sia senza rischi di contagio – ha detto il presidente di Anci Liguria Marco Bucci – Anci continuerà a dare il giusto supporto, oltre all’interlocuzione diretta con il governo”.
“Ieri, durante l’incontro con i sindaci metropolitani – ha continuato Bucci – il presidente Conte si è impegnato a chiedere al ministero dell’Economia il reperimento di ulteriori 3 miliardi, quindi dovrebbero arrivare in totale 6 miliardi e mezzo da distribuire secondo criteri in via di definizione a tutti i comuni italiani, che negli ultimi mesi si sono trovati ad affrontare tante spese in più a fronte di molte entrate in meno. In arrivo anche semplificazioni burocratiche su scuole e trasporti, che verranno incluse in un prossimo decreto”.
“Siamo il sindacato dei sindaci, aiutiamo i sindaci a fare il proprio lavoro, e questa è una cosa molto bella; vi esorto a canalizzare tutte le esigenze che abbiamo perché possiamo metterle direttamente sul tavolo del governo, dove sarebbe ancor più bello se riuscissimo a dare l’idea di Liguria unita”, ha concluso Bucci.

“L’Assemblea di oggi ha avuto come filo conduttore un apprezzamento forte e sentito da parte degli amministratori locali per il lavoro svolto in questi mesi difficili dagli uffici di Anci Liguria, con il personale sempre in prima linea, senza mai risparmiarsi – ha affermato il direttore generale Pierluigi Vinai – Siamo felici che questo lavoro sia stato riconosciuto e apprezzato da tutte le Autonomie locali liguri”.

Il coordinatore della commissione Finanza locale Pietro Piciocchi ha poi illustrato i contenuti del decreto cosiddetto “Rilancio”, sottolineando la necessità di una norma che faccia salve l’assicurazione della continuità dei servizi da parte dei comuni e la gestione corrente dei bilanci.

Tra i temi oggetto di discussione, le linee guida di Anci per l’accesso alle spiagge libere; la gestione dei rifiuti dei quarantenati; centri estivi.

Nel corso dei lavori, infine, è stato approvato il bilancio consuntivo 2019 e illustrato il bilancio di missione 2019.

Archiviato in


Modifica consenso Cookie