Inpgi, Conte auspica si allarghi la platea ai comunicatori

Replicano associazioni, 'costernati, è lesivo nostri diritti'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 31 DIC - "Possiamo auspicare che si allarghi la base della platea contributiva ai comunicatori" e che "si riesca a costruire un equilibrio finanziario ed economico, che consenta all'Inpgi di camminare con le gambe proprie": è quanto affermato ieri dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella conferenza stampa di fine anno, a Villa Madama, a Roma, a proposito delle sorti della Cassa previdenziale dei giornalisti, in forte disavanzo. E, subito dopo, è scattata la presa di posizione contraria della ReteCoM, la Rete delle associazioni per la comunicazione che, in una lettera al premier, ha scritto: "Siamo costernati nell'aver ascoltato quanto da lei affermato - recita il testo dell'organizzazione che include Cida, Confassociazioni, Ascai, Com&tec, Ferpi, Iaa, Una - il suo auspicio di 'salvare' l'Inpgi, l'Istituto privato di previdenza dei giornalisti Italiani, con l'allargamento della platea contributiva ai comunicatori è lesivo dei diritti di centinaia di migliaia di persone oltre a risultare palesemente in contraddizione con quanto espresso dal sottosegretario Andrea Martella (con delega all'Editoria, ndr) nel corso dell'incontro tra governo e vertici Inpgi del 9 dicembre scorso". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie