"Giù mani da ospedale Ghilarza",protesta

Se non arrivano risposte comitato pronto a occupare la 131

"Il tempo delle parole è finito, ora servono i fatti e se non arriveranno siamo pronti ad occupare la Statale 131 per il diritto alla salute".
    E' una sorta di ultimatum quello lanciato dai Comuni dell'alto Oristanese ai vertici della Regione e dell'Ats a conclusione della fiaccolata e dell'assemblea che si è tenuta a Ghilarza per iniziativa del Comitato civico per l'Ospedale Delogu bene comune per sollecitare la riapertura 24 ore su 24 del Punto di primo intervento e degli altri servizi assicurati due anni fa e mai attivati.
    Alla manifestazione hanno partecipato centinaia di cittadini e rappresentanti di tutte le amministrazioni comunali dei paesi che ricadono nel bacino dell'Ospedale di Ghilarza. "Non possiamo più aspettare", hanno detto in tanti e il tempo per le risposte concrete non andrà oltre le prime settimane di febbraio.
    Se non arriveranno, la protesta si sposterà sulla Statale 131. La data è ancora da definire e sarà sicuramente una occupazione pacifica, che riguarderà il tratto della Carlo Felice tra Ghilarza e Pualilatino.

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie