Effetto Covid sul mercato immobiliare a Cagliari, -19%

Flessione del numero di compravendite e dei prezzi

Primi effetti del Covid sul mercato immobiliare cagliaritano. Nel primo semestre dell'anno netta diminuzione del numero di transazioni delle abitazioni: circa -19%. E questo si ripercuote anche sugli affitti, leggermente in calo. La riduzione dei prezzi nel comparto residenziale si attesta in media al -1,7% sul semestre precedente, con picchi del -2,6% nelle zone semicentrali. Rilevante la riduzione dei tempi necessari a concludere la trattativa di acquisto (in media 5,5 mesi) e di affitto (2,9 mesi). È quanto emerge dall'analisi del terzo Osservatorio Immobiliare 2020 di Nomisma.

Per il comparto non residenziale, dopo una netta riduzione registrata nella prima parte del 2020, nella seconda parte dell'anno continua a diminuire il numero delle compravendite. Si tratta- spiega l'analisi- di una decisa flessione riconducibile all'impatto che ha avuto il Covid-19. Valori immobiliari risultano ancora in diminuzione (-3,1% e -3,5% la variazione semestrale per gli uffici e negozi). "Il perdurare dello stato d'incertezza- questa la conclusione del report- determina un calo delle aspettative e delle prospettive. Tendenza supportata anche dagli operatori interpellati, il 70% dei quali a giugno scorso sosteneva che entro la fine del 2020 il livello di attività della propria agenzia sarebbe ritornato ai livelli pre Covid-19. Oggi, invece, sale al 62,5% la percentuale di chi ritiene che si arriverà ai livelli ante-crisi tra il 2021 e il 2022".
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie