Cinema: India e Filippine al Carbonia Film Festival

Nuove prime visioni nazionali e spazio ai corti in concorso

Redazione ANSA Carbonia

Dall'India alle Filippine con due nuove prime visioni nazionali disponibili in streaming sulla piattaforma https://online.carboniafilmfest.org/ accompagnati dalle conversazioni con i registi. Il Carbonia Film Festival fa tappa giovedì 8 ottobre nel continente asiatico con altri due degli otto lungometraggi in concorso. Pellicole che con differenti linguaggi raccontano storie di vita quotidiana dai tratti surreali: Eeb Allay Ooo! di Prateek Vats (India, 2019, 97'), che sarà proiettato sempre l'8 al Cine-Teatro Centrale di Carbonia alle 21, e Overseas di Sung-A Yoon (Belgio, Francia, 2019, 90').

Eeb Allay Ooo!, opera prima di Prateek Vats, apre una riflessione sulle condizioni dei migranti e le dinamiche di potere in India. Racconta le vicende di Anjani, che da poco arrivato a Nuova Delhi trova impiego come "scaccia scimmie" davanti ai palazzi del potere della città. Sulla sola piattaforma virtuale è disponibile Overseas, documentario diretto dalla regista Yoon Sung-a dedicato alle donne Filippine, definite "eroine della nazione": mandate all'estero a lavorare come collaboratrici domestiche o tate, lasciano non solo il proprio paese, ma anche la famiglia, i figli, talvolta per sempre.

Il giovedì del Carbonia Film Festival si apre alle 18 quando al Cine-Teatro Centrale saranno proiettati tre film del concorso internazionale riservato ai cortometraggi: The names have changed, including my own and truths have been altered di Onyeka Igwe; So What If The Goats Die di Sofia Alaoui (Francia/Marocco, 2020, 23'); Salsa di Igor Dimitri (Portogallo/Argentina, 2020, 13'); e Character di Vera Brunner-Sung (Usa, 2020, 16').

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie