COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale di Business Wire

Visa B2B Connect estende la propria presenza in altri 32 paesi e annuncia l’integrazione con Infosys

L’espansione aiuterà gli istituti finanziari a gestire in modo rapido e sicuro i pagamenti aziendali transnazionali su scala globale

Business Wire

Visa Inc. (NYSE:V) ha annunciato oggi che la propria rete Visa B2B Connect ha raddoppiato il proprio raggio d’azione, passando dai 30 corridoi commerciali attivi al momento del lancio, nel giugno 2019, ai 62 attuali, con l’obiettivo di raggiungere oltre 100 paesi nel 2020.

questo comunicato stampa include contenuti multimediali. Visualizzare l’intero comunicato qui: https://www.businesswire.com/news/home/20190920005431/it/

Visa B2B Connect (Graphic: Business Wire)

Visa B2B Connect (Graphic: Business Wire)

Infosys, leader globale nel campo delle consulenze e dei servizi digitali di nuova generazione, sta inoltre procedendo all’integrazione con la rete Visa B2B Connect per consentire ai propri istituti finanziari partecipanti di tutto il mondo l’accesso alla piattaforma Visa B2B Connect.

Attraverso questa nuova connessione, gli istituti finanziari partecipanti di tutto il mondo potranno sfruttare la capacità di gestire globalmente in modo rapido e sicuro i pagamenti transfrontalieri delle aziende attraverso Visa B2B Connect.1

“Visa B2B Connect è una rete veloce, sicura e molto efficiente, appositamente concepita per superare gli ostacoli nell’ambito dei pagamenti aziendali transfrontalieri”, ha dichiarato Alan Koenigsberg, responsabile globale per i nuovi circuiti di pagamento di Visa Business Solutions.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Aida Hadzibegovic
ahadzibe@visa.com
415-805-4242

Permalink: http://www.businesswire.com/news/home/20190920005431/it

Video Economia


Vai al sito: Who's Who