Responsabilità editoriale Xinhua.

Troppo sale e troppi zuccheri nella dieta dei cinesi

Nuovo studio sulle abitudini nutrizionali in Cina

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, FEB 25 - Gli squilibri alimentari rappresentano una causa significativa dell'insorgenza di patologie croniche, secondo un rapporto di ricerca dedicato alla dieta degli abitanti della Cina pubblicato oggi dalla Chinese Nutrition Society (CNS).
    La ricerca mostra come, tra i fattori nutrizionali, un'elevata assunzione di sodio provochi negli adulti il 17,3% dei decessi causati da malattie cardiovascolari e metaboliche. A questo segue una quantità insufficiente di frutta e acidi grassi omega-3 contenuti in prodotti ittici, che rappresentano rispettivamente l'11,5% e il 9,7% delle morti provocate da tali patologie.
    Lo studio rileva come la nutrizione e la salute dei cinesi siano migliorate in modo significativo nel corso degli anni.
    Anche l'altezza media dei residenti cinesi, ha spiegato Ding Gangqiang, vice presidente della CNS, ha continuato ad aumentare.
    L'assunzione giornaliera di sale per usi domestici per persona è pari a 9,3 grammi, segnando una diminuzione di 2 grammi ogni dieci anni. Tuttavia, si legge nel rapporto, questo livello resta ancora superiore a quello consigliato di meno di 5 grammi.
    Il consumo di bevande zuccherate da parte dei cinesi, inoltre, è in aumento di anno in anno. L'elevata assunzione di zuccheri è diventata la ragione principale dell'obesità e del diabete tra gli adolescenti in Cina. (ANSA-XINHUA).
   

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie