Fase 2: in aeroporto Olbia igiene a prova di raggi UV-C

Idea azienda sarda per sanificare le vaschette di sicurezza

Redazione ANSA OLBIA

(ANSA) - OLBIA, 01 GIU - All'aeroporto di Olbia le vaschette di sicurezza si sanificano con tecnologia UV-C. È la nuova misura adottata dalla Geasar - società di gestione del "Costa Smeralda" - per proteggere passeggeri e operatori.
    L'installazione ai varchi di controllo abbatterà il rischio per passeggeri e operatori di contaminazione da microrganismi patogeni presenti nei contenitori. Il sistema basato sul potere germicida delle radiazioni è un'idea dell'azienda sarda Sanycar, prima al mondo a specializzarsi in soluzioni di disinfezione per contesti a elevato traffico: aeroporti, strutture commerciali e ospedali. L'impiego dei raggi ultravioletti avviene in totale sicurezza grazie a una struttura in acciaio inox che impedisce la fuoriuscita di emissioni luminose quando il sistema è attivo e ulteriori protezioni che impediscono l'accesso fortuito alla camera di irraggiamento. La tecnologia, già sperimentata in ambito sanitario e industriale, solo di recente è arrivata negli aeroporti.
    "La sicurezza di passeggeri e lavoratori è tra i nostri obiettivi - dice Silvio Pippobello, amministratore delegato della società di gestione -. Il nostro protocollo va oltre le indicazioni delle autorità in materia di sicurezza e igiene.
    Alla ripartenza dei voli avremo uno strumento in più - conclude l'ad - per incrementare la sicurezza a beneficio di chi verrà in vacanza in Sardegna".
    Per Gianni Delogu, fondatore e amministratore di Sanycar, "questa tecnologia consente di coniugare l'efficacia nell'azione germicida con la massima sicurezza". Da sardi e da imprenditori "siamo orgogliosi che le nostre soluzioni trovino applicazione anche nell'isola innalzino i livelli di sicurezza per chi viaggia in aereo e siano richieste in tutto il mondo". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie