Auto elettriche, non occorre che siano molto leggere

Università Tecnica Ingolstadt, 'valutare efficienza risorse'

Redazione ANSA ROMA

A differenza di ciò che accade per le automobili con motore termico, che traggono vantaggi in termini di prestazioni e rendimento energetico se il rapporto peso/potenza è più basso possibile, i veicoli 100% elettrici hanno benefici minimi dal passaggio all'acciaio all'alluminio per ridurre la massa. Lo afferma uno studio della Università Tecnica di Ingolstadt (THI) che ha valutato per i Bev il bilancio totale, comprese dunque le emissioni collegate con la produzione dell'alluminio rispetto a quelle dell'acciaio.
    Mentre i modelli con motore termico usano l'energia per 'spostarsi' - e quindi devono essere più leggeri possibile - quelli elettrici recuperano una rilevante quota dell'energia stessa nelle decelerazioni, e quindi sono avvantaggiati se più pesanti. Il risultato evidenziato dalla ricerca della Università Tecnica di Ingolstadt è dunque che l'influenza di una massa aggiuntiva è diversa nei veicoli con motore a combustione rispetto a quelli 100% elettrici. E dunque è auspicabile, da un punto di vista dell'impronta di Carbonio complessiva, che i costruttori scelgano materiali 'efficienti' in termini di risorse e non solo per contenere i pesi. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie