Uffizi, dai lavori riemergono affreschi perduti

Il museo si prepara alla riapertura con un nuovo ingresso e un nuovo guardaroba

Redazione ANSA FIRENZE

UFFIZI (FIRENZE) Gli Uffizi recuperano 2.000 metri quadrati di spazi al piano terra e nel seminterrato e dai lavori arriva la sorpresa con una serie di affreschi perduti. Durante i lavori di recupero e restauro degli spazi nell'ala di Ponente del museo, la più vicina al Ponte Vecchio, spiegano dal museo,  sono riaffiorati due affreschi del Seicento: in uno è ritratto il granduca Ferdinando I in un clipeo e l'altro raffigura il giovane Cosimo II de' Medici a figura intera e a grandezza naturale, con le allegorie di Firenze e Siena, da attribuire all'ambito del pittore Bernardino Poccetti (1548-1612).
    In un'altra sala poi sono state riportate alla luce tutte le decorazioni eseguite nel Settecento, probabilmente durante il regno di Pietro Leopoldo di Lorena.

Questi spazi, che si trovano al pianterreno della Galleria, faranno parte dell'ingresso al museo e saranno visibili al pubblico. Complessivamente sono state restaurati quasi 2.000 metri quadrati, finora inaccessibili: otto sale dell'ala di Ponente, 14 sale al piano terra dell'ala di Levante e 21 sale nel piano interrato, nell'ambito dei lavori per la realizzazione dei Nuovi Uffizi condotti dalla Soprintendenza insieme alle Gallerie. A partire dalla riapertura si entrerà dalla parte più vicina all'Arno: il biglietto verrà erogato nelle sale dell'ala di Ponente, dove ci sarà un nuovo guardaroba per i gruppi; l'ingresso al museo sarà dirimpetto, al piano terra dell'ala di Levante. Nei sotterranei dell'ala di Levante, dove sono stati collocati i locali tecnici e gli spogliatoi per il personale della Galleria sono state restaurate anche le antiche scuderie medicee. "In questi ultimi cinque anni è stato fatto un enorme progresso nel recupero degli spazi - ha detto il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt - progresso che permette ora un accesso al museo più razionale e sicuro, e punti di accoglienza organizzati in modo più efficiente". 

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie