No del Parlamento Ue a stop generalizzato antibiotici ad animali

Decisione spiana strada a restrizioni basate su criteri comuni

Redazione ANSA

BRUXELLES - No del Parlamento europeo allo stop generalizzato della somministrazione agli animali di antibiotici per gli esseri umani. Il Parlamento europeo ha respinto un'obiezione a un atto delegato adottato dalla Commissione e dagli Stati membri, che definisce i criteri con cui, in un momento successivo, saranno stilate liste di antimicrobici il cui uso sugli animali sarà sottoposto a restrizioni perché da riservare al trattamento di infezioni nell'uomo.

I Verdi, che hanno proposto l'obiezione, consideravano invece necessario applicare un principio di divieto generale, con una lista di eccezioni. Se la mozione fosse stata approvata, tuttavia, le regole in vigore non sarebbero cambiate. La Commissione europea sarebbe stata semplicemente costretta a ritirare l'atto legislativo e a presentarne un altro. Il rigetto della mozione spiana invece la strada alle modifiche legislative proposte dall'Esecutivo Ue, vale a dire restrizioni basate su criteri comuni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie