Eurostat, balzo del Pil, +2% nel II trimestre nell'eurozona, in Italia +2,7%

Gentiloni, crescita sopra attese, Italia e Spagna trainano Ue

Redazione ANSA

BRUXELLES - Balzo del Pil nel secondo trimestre 2021. E' salito del 2% nella zona euro e dell'1,9% nella Ue-27 rispetto al trimestre precedente. E' la stima flash di Eurostat. Nel primo trimestre era sceso di 0,3% nella zona euro e di 0,1% nella Ue-27. In Italia schizza a +2,7%, dal +0,2% dei primi tre mesi dell'anno.

Prosegue invece il calo della disoccupazione in Europa. Secondo i dati diffusi da Eurostat, a giugno 2021 nella zona euro è scesa al 7,7% (dall'8% di maggio), e nella Ue-27 è scesa a 7,1% (da 7,3%). Anche in Italia scende, a 9,7% dopo il 10,2% di maggio, confermandosi comunque il terzo tasso più alto della Ue dopo Grecia e Spagna (entrambe calate a 15,1%). Anche la disoccupazione giovanile segue il trend in miglioramento, passando nella Ue-27 da 17,6% a 17% e nella zona euro da 17,9% a 17,3%. In Italia è passata da 30,7% a 29,4%, restando la terza più elevata dopo Spagna (37,1%) e Grecia (30,4%).

Torna a salire l'inflazione nella zona euro. Secondo la stima flash di Eurostat, il tasso è salito al 2,2% a luglio, dall' 1,9% di giugno. A pesare soprattutto l'energia (14,1%, rispetto al 12,6% di giugno), seguita da cibo, alcol e tabacco (1,6%, rispetto a 0,5% di giugno), servizi (0,9% rispetto a 0,7%) e prodotti industriali non energetici (0,7% rispetto a 1,2%). In Italia invece il tasso di luglio è atteso in calo a 0,9%, dall'1,3% di giugno.

"Le prime stime Eurostat sul secondo trimestre danno una crescita superiore alle previsioni e trainata da Spagna e Italia": lo scrive su Twitter il commissario Ue all'economia, Paolo Gentiloni, commentando i dati sul Pil.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: