Expo Dubai 2020

  1. ANSA.it
  2. Expo Dubai 2020
  3. News
  4. Astrazeneca,nostro anticorpo efficace in trattamento Omicron

Astrazeneca,nostro anticorpo efficace in trattamento Omicron

Ad italiano Wittum, 'crediamo che sia arma in più contro Covid'

Redazione ANSA DUBAI

(ANSA) - DUBAI, 31 GEN - Il nuovo anticorpo monoclonale sviluppato da Astrazeneca Evusheld "risponde bene alla variante Omicron". Attualmente "è approvato in emergenza dall'Aifa solo in profilassi" e per l'approvazione all'uso in trattamento "ci vorrà ancora un po' di tempo", ma "nel trattamento abbiamo visto che risponde bene alla variante, è accertato" e "davvero crediamo che sia un'arma addizionale" contro il Covid. A spiegarlo è Lorenzo Wittum, presidente e amministratore delegato di Astrazeneca Italia, a margine dell'Health Innovation Global Forum organizzato dal Cluster Alisei al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai.
    L'anticorpo approvato da Aifa è in profilassi "un'arma di prevenzione e protezione per coloro che purtroppo non sviluppano anticorpi dopo le prime dosi di vaccino", ha spiegato l'ad Astrazeneca. Sono in particolare "pazienti fragili" come "ad esempio pazienti con leucemia linfatica cronica, soggetti trapiantati, alcuni pazienti in dialisi o con trattamenti di malattie autoimmuni. Questo anticorpo genera protezione anche per questi pazienti che attualmente hanno addirittura difficoltà di andare in ospedale perché non sono protetti. Crediamo sia davvero una possibilità di dare una risposta concreta alle loro necessità".
    "Credo che c'è da essere orgogliosi nell'industria farmaceutica di aver portato in così poco tempo così tante soluzioni alla pandemia", ha detto Wittum, riflettendo sull'importanza dell'innovazione nel campo delle scienze della vita, tema dell'incontro al Padiglione Italia. "In 300 giorni, siamo stati capaci di portare come industria farmaceutica un vaccino all'approvazione. Perché non poterlo fare in 100 giorni? Perché non investire già da ora in piattaforme che permettano per le prossime pandemie di arrivare in 100 giorni a portare delle soluzioni terapeutiche o delle soluzioni di profilassi.
    Non è impossibile, è una sfida che l'industria farmaceutica insieme al pubblico si può prendere".
    "L'innovazione così come la ricerca sono davvero nel nostro Dna", ha detto l'ad AstraZeneca. "La nostra azienda ha investito nel vaccino" anticovid "consegnando più di 2 miliardi di dosi in tutto il mondo", ma "AstraZeneca ha un ricchissimo portfolio di innovazione in oncologia, ematologia, cardiovascolare e respiratorio", malattie rare e anche con il nuovo anticorpo monoclonale. L'innovazione per l'azienda è "per i pazienti, per far sì che possano avere soluzioni ai problemi di salute, ma anche nella collaborazione tra pubblico e privato. Noi come Astrazeneca abbiamo dimostrato con il nostro spostamento della sede all'Innovation District di Milano che crediamo fermamente nelle contaminazioni fra mondi diversi: industria farmaceutica, centri di investigazione, università, ospedali". Da queste contaminazioni, "crediamo che davvero ci possa essere l'opportunità di creare soluzioni di salute per i pazienti e per la società". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: