Expo Dubai 2020

  1. ANSA.it
  2. Expo Dubai 2020
  3. News
  4. Expo Dubai: ascoltare le donne afghane per sostenerle

Expo Dubai: ascoltare le donne afghane per sostenerle

Raccontato a Padiglione Italia progetto Wiis Italia e Farnesina

Redazione ANSA DUBAI

(ANSA) - DUBAI, 11 FEB - "La nostra idea è di dare voce alle donne afghane per capire effettivamente quali sono le loro esigenze. Ora la comunità internazionale è molto concentrata sull'Afghanistan, tutti ci chiediamo che cosa possiamo fare, e dobbiamo chiederlo a loro". Così Loredana Teodorescu, presidente di Women in international security Italy, ha raccontato al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai il progetto italiano della Task Force per le donne afghane, promosso da Women in International Security Italy con il supporto del Ministero degli Affari Esteri. L'iniziativa è stata illustrata in occasione dell'evento "Women as key actors", organizzato da Aspen e Fondazione Bracco al padiglione italiano.
    "L'idea è quella di supportare le donne afghane nel lavoro che stanno facendo e anche rivedere l'immagine delle donne afghane, perché ne parliamo soltanto come vittime", ha spiegato Teodorescu a margine del forum. "Sicuramente c'è una situazione grave, ma bisogna anche parlare di tutte quelle donne che invece stanno giocando un ruolo importante in ambito diplomatico e politico", come Fatima Gailani, negoziatrice di pace afghana, tra i partecipanti all'evento. "Vogliamo sostenere il lavoro che stanno facendo attraverso una task force, mettendo insieme tante donne esperte di mediazione, e con un programma di mentoring.
    Vogliamo dare a queste donne l'idea che abbiano un supporto, che ci sia una solidarietà e speriamo che questo possa rendere più agevole il loro lavoro", ha spiegato la presidente di Wiis Italia. "Tutto questo lo facciamo basandoci sulla nostra esperienza di coordinatori - insieme all'Istituto Affari Internazionali - del network delle donne mediatrice del Mediterraneo, progetto di punta del ministero degli Esteri, e stiamo coordinando anche la Global Alliance, alleanza che unisce tutti i network delle donne mediatrice nel mondo. Vogliamo mettere insieme le donne mediatrici che hanno un'esperienza forte in Afghanistan da tanti Paesi e riunirle intorno ad un tavolo virtuale. E a maggio, avremo invece un evento pubblico in cui potremo riportare le raccomandazioni di queste donne".
    "Dobbiamo ascoltare più di 16 milioni di donne nel Paese in Afghanistan" per aiutarle, ha detto Fatima Gailani. "Dobbiamo chiedere a loro come vedono le cose e come possiamo aiutarle.
    Con Women in international security Italia abbiamo iniziato a lavorare insieme, prendendo un gruppo di donne che rappresenta altre donne, e chiedendo loro quali sono le necessità pratiche e urgenti. L'istruzione è certamente una di queste, ma anche il lavoro", ha raccontato. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: