Tokyo: Straka da record, Paratore e Migliozzi 41/i

Primo round tra maltempo e sorprese, azzurri altalenanti

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 29 LUG - La gara individuale di golf maschile ai Giochi di Tokyo comincia all'insegna delle sorprese con l'austriaco Sepp Straka protagonista di un avvio da record. Al Kasumigaseki Country Club (par 71) di Saitama inizio non esaltante per gli azzurri Guido Migliozzi e Renato Paratore, entrambi 41/i con 71 (par) dopo il primo round, che ha subito una sospensione di oltre due ore per maltempo.
    In Giappone Straka, 28enne di Vienna e 161/o nel world ranking, con una prova bogey free chiusa in 63 (-8) ed impreziosita da otto birdie, ha eguagliato il miglior parziale fatto già registrare alle Olimpiadi nel 2016 dall'australiano Marcus Fraser e dall'americano Matt Kuchar (che poi conquistò il bronzo). L'austriaco, che nel palmares può contare su un solo titolo (vinto nel 2018) sul Web.com Tour (oggi Korn Ferry Tour, il secondo circuito maschile Usa), è tallonato da un altro outsider, il tailandese Jazz Janewattananond, secondo con 64 (-7) davanti al belga Thomas Pieters e al messicano Carlos Ortiz, entrambi 3/i con 65 (-6).
    I big inseguono a Tokyo. Gli statunitensi Xander Schauffele e Patrick Reed condividono la 12/a piazza con 68 (-3). Stesso score, tra gli altri, per il norvegese Viktor Hovland, 11/o al mondo.
    Grandi rimpianti per Paratore. Autore di una buona prova fino alla 16 con tre birdie (di cui il primo alla 1) e un bogey, il romano è inciampato in due bogey finali alla 17 e alla 18 (dopo oltre due ore di sospensione). Birdie alla 1 anche per il vicentino Migliozzi, pure lui al debutto assoluto alle Olimpiadi, prima di due bogey nelle prime nove. Mentre nelle seconde sono arrivati altri due birdie mischiati a un bogey. Con i due azzurri, al 41/o posto, tra gli altri c'è anche lo statunitense Justin Thomas, numero 4 mondiale. Mentre tre tra i favoriti della vigilia, l'americano Collin Morikawa (re quest'anno del The Open e terzo nel world ranking), il giapponese Hideki Matsuyama (vincitore lo scorso aprile del The Masters) e Rory McIlroy (nordirlandese che ai Giochi di Tokyo gareggia per l'Irlanda) occupano la 20/a piazza (69, 2).
    Ancora una volta il golf s'è dimostrato uno sport imprevedibile, anche alle Olimpiadi. Nella Top 10, tra gli altri, ci sono infatti anche altre due sorprese oltre a quelle già citate. Come il filippino Juvic Pagansan, 5/o con 66 (-5), e l'indiano Anirban Lahiri, 8/o con 67 (-4). Domani il secondo round e gli azzurri sono chiamati a risalire posizioni per poi giocarsi le proprie chance nelle ultime 36 buche previste per il week-end. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA