Percorso:ANSA > Nuova Europa > Polonia > Polonia: Corte costituzionale respinge pronuncia Ue

Polonia: Corte costituzionale respinge pronuncia Ue

"Non in linea con costituzione Varsavia"

15 luglio, 10:39
(ANSA) - VARSAVIA, 15 LUG - La Corte costituzionale polacca ha respinto mercoledì il regolamento dell'Ue che permette alla Corte di Giustizia europea di pronunciarsi su "sistemi, principi e procedure" delle corti polacche, affermando che questo "non sia in linea con la costituzione polacca". Lo ha detto la stessa Corte, in una seduta presieduta da Stanislaw Piotrowicz.

Il ministro della Giustizia polacco Zbigniew Ziobro ha stigmatizzato e respinto la presa di posizione della Corte di giustizia europea sulle competenze disciplinari affidate alla nuova sezione della Corte suprema polacca. Secondo il ministro guardasigilli, "la costituzione polacca e la normalità hanno vinto sui tentativi di usare le agende unitarie per interferire nelle questioni interne dei paesi membri dell'Ue". Ziobro ha espresso anche soddisfazione per la sentenza della Corte costituzionale polacca con la quale ieri - in risposta alla domanda fatta nell'aprile dell'anno scorso da parte della suddetta sezione disciplinare - ha dichiarato che le interferenze della Corte Ue nel regolamento del sistema di giustizia di uno stato membro dell'Ue non siano conformi con la costituzione di Varsavia. Per il vicepresidente del senato polacco, Gabriela Morawska-Stanecka della Sinistra (opposizione), la sentenza della Corte costituzionale incide invece negativamente sull'immagine della Polonia e potrebbe segnare un altro piccolo passo verso l'uscita di questo paese dalla Ue. (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati