Vaccini: sciopero della fame a oltranza per dosi ai fragili

Sardo a digiuno ottiene appuntamento, "ora lotto per gli altri"

L'appuntamento lo ha avuto, ma lui non demorde. "Io non mi arrendo e non sospendo lo sciopero della fame fin quando non ci saranno date certe per tutti gli altri soggetti fragili, con pluripatologie, come me". Ignazio Cordeddu, l'ex sindacalista di Selargius che da 4 giorni non si alimenta più per protestare contro i ritardi nella vaccinazione dei soggetti fragili, ha da stamattina la certezza di farsi inolucare il siero anti Covid. "Dall'Ats non mi ha contatto nessuno, ma mi hanno chiamato dall'ospedale Brotzu e mi hanno messo in lista per il 14 maggio - conferma all'ANSA - Non pensavo di dover aspettare tanto, e se anche per me c'è una data, tutte le altre persone che stanno male, come e peggio di me, cosa devono fare? Per loro non è cambiato nulla e io non mi fermerò".

Il fisico di Ignazio però inizia a vacillare. "Sono a letto - dice parlando con molta fatica - Il cuore inizia a risentire dei quattro giorni di digiuno. Non è facile. Sto bevendo solo acqua, ma non mi fermo. In tanti, il mio medico per primo, mi stanno dicendo di sospendere lo sciopero della fame, ma non posso". L'ex sindacalista temprato da tante battaglie non arretra, anzi rilancia: "se e quando sospenderò la mia protesta, andrò comunque avanti per la creazione di una class action e per portare il nostro caso in Procura denunciando chi ha la responsabilità di questi gravi ritardi".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie